Caricamento Eventi
In presenza
In streaming
Interview

Rating sociale:
dalla Cina all’Italia?

In diversi comuni di Italia si stanno diffondendo sistemi di “cittadinanza a punti” molto rischiosi in quanto capaci di assumere i connotati di un vero e proprio programma di social scoring cioè di una valutazione valutazione sistematica dei comportamenti.

Il Garante Privacy ha  già avviato tre istruttorie per verificare la legittimità di questi sistemi definiti dalla stessa autorità come “preoccupanti”. Guido Scorza ci guiderà in un confronto volto a capire cosa aspettarci nel prossimo futuro, anche in vista dell’approvazione dell’Artificial Intelligence Act che potrebbe rendere inutilizzabili i costosi sistemi implementati da enti locali e pubbliche amministrazioni varie.

Quando

Lun 26 Set ore 17:30 - 18:30

Dove

In presenza presso l’esclusiva location di Cariplo Factory
Via Bergognone, 34 - Milano

Speakers info

Guido Scorza

Componente del Collegio dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali. Tiene lezioni su privacy, diritto e nuove tecnologie presso altre Università e enti di formazione e interviene in qualità di relatore a numerosi seminari, conferenze e convegni in Italia e all’Estero.

È autore di diversi libri. Ha scritto, da ultimo, Processi al futuro, Egea Editrice e Intelligenza Artificiale, l’impatto sulle nostre vite e sulle libertà per i tipi di Mondadori con Alessandro Longo.

In materia di privacy, ha curato con Giovanni Maria Riccio e Ernesto Belisario il commentario al nuovo Regolamento europeo “GDPR e normativa privacy” per l’Ipsoa. È autore della voce “La privacy nelle comunicazioni elettroniche” in “Innovazione tecnologica e valore della persona – Il diritto alla protezione dei dati personali nel Regolamento UE 2016/679” curato da Licia Califano e Carlo Colapietro.

Luna Bianchi

foto della speaker Luna Bianchi

Giurista e manager specializzata in proprietà intellettuale, si occupa di consulenza etica e strategica in ambito digitale e di sviluppo di modelli di governance democratica per la società digitale e virtuale.

Attivista e sostenitrice di un approccio responsabile all’AI, ritiene che la tecnologia sia uno strumento politico, e pertanto debba essere indirizzata al potenziamento dei diritti digitali e al superamento delle disparità socio-economiche tra cittadini.